“G. Marconi”: in 250 per dire no alla violenza contro le donne: domani corteo e flashmob.

L’iniziativa promossa dall’I.C. “G. Marconi”: a Martina Franca in 250 tra docenti e studenti in corteo per celebrare la Giornata contro la violenza sulle donne

Un flashmob per dimostrare l’impegno della scuola a sradicare la cultura della violenza e a promuovere il rispetto per l’altro. A farsi promotore dell’iniziativa è l’Istituto Comprensivo “Guglielmo Marconi” che, venerdì 24 novembre, per celebrare la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, ha voluto organizzare un evento finalizzato a sensibilizzare la cittadinanza nei confronti di questo importante e delicato tema, sempre, purtroppo, di strettissima attualità.

protagonisti saranno i docenti e gli studenti delle classi quarte e quinte della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado che sfileranno nel centro di Martina Franca. Un corteo animato da oltre 250 partecipanti che muoverà alle ore 10.30 da piazza Marconi per raggiungere piazza XX Settembre, dove si metterà in scena il flashmob.

La violenza è una mancanza di vocabolario”, scrive il poeta Gilles Vigneault, e per questo ogni giorno a scuola cerchiamo le parole che contrastino l’aggressione e la violenza – evidenzia la Dirigente Scolastica dell’I.C. “Marconi”, la dott.ssa Grazia Anna Monaco – Oggi con le parole vogliamo dire BASTA a questo orrore. Celebrando con questa attività la Giornata Internazionale dell’eliminazione della violenza contro le donne vogliamo disobbedire alla violenza, rifiutarla, opporci a questi comportamenti disumani e dire a tutti mai più dolore, ma solo Amore, unica strada per difendere la Vita. “Il nostro “rumore” raggiungerà quanta più gente possibile, musica e movimento animeranno la piazza al fine di sensibilizzare la nostra comunità verso questo importante e sofferto tema“.

La violenza contro le donne, riconosciuta oggi come violenza di genere, è stata dichiarata anche dalla comunità internazionale una grave violazione di questi diritti fondamentali. Inoltre il concetto di disobbedienza civile, che oggi sta alla base della teoria della nonviolenza, venne concepito già da Gandhi nella prima metà del Novecento, le sue parole dovrebbero essere alla base della nostra vita e riecheggiare: “La nonviolenza è la più grande forza a disposizione del genere umano. È più potente della più potente arma di distruzione che il genere umano possa concepire”.

Partendo dalla riflessione che, a differenza di altre forme di violenza, quella commessa sulle donne è stata ritenuta per lungo tempo socialmente accettabile e ha radici profonde nella nostra storia e proprio per questo molto più difficile da riconoscere e combattere, ogni passo, ogni parola, ogni gesto sarà un innocente ma forte grido per Giulia e per tutte le vittime, perché nessuno tocchi più le donne “…nemmeno con un fiore.

E proprio su questo importante tema l’I.C. “G. Marconi” di Martina Franca si è distinto a livello nazionale aggiudicandosi il prestigioso premio della Giuria al contest artistico per le scuole contro la violenza sulle donne promosso dal Lions club Roma Augustus per sensibilizzare i giovani a riflettere sul ruolo della donna nella società.

La Commissione, costituita da rappresentanti del mondo della scuola, della musica, del giornalismo e della comunicazione ha assegnato il Premio della Giuria al disegno realizzato dagli Studenti della Classe III A della Scuola secondaria di primo grado: Melania Bello, Anna Jasmine Chirulli, Mattia Caroli, Michele Semeraro, coordinati dalla docente referente, prof.ssa Maria Letizia Colucci.

La cerimonia di premiazione si svolgerà il prossimo 25 novembre a Roma presso il Centro Commerciale Casilino dove le opere premiate (visualizzabili sui canali Youtube, fb, Instagram e sul sito del Lions Club Roma Augustus) resteranno esposte fino al prossimo 30 novembre.