Martina Franca. Presentazione del libro di Monica Amari martedì 7 maggio

Elogio dei diritti e dei doveri culturali, A difesa della democrazia Monica Amari presenta il suo libro il 7 maggio a Palazzo Ducale

Si terrà ̀  , alle  ., presso il   di Martina Franca la presentazione del volume di   ”      ,    “, edito da Rubettino Editore, che reca la    .

Il libro propone un innovativo sguardo sul concetto di “Diritti Culturali” che come è noto appartengono alla famiglia dei diritti umani.

Infatti, come evidenzia la sinossi del volume, “la Dichiarazione universale dei Diritti dell’uomo del 1948 li affianca ai diritti economici e sociali, ritenendoli fondamentali per la dignità di ogni individuo. Eppure a questa categoria di diritti non fa riferimento nessuna Costituzione, neanche quella italiana. Porre la questione del riconoscimento dei diritti e dei doveri culturali all’interno dei principi fondamentali della Costituzione, lì dove si parla di solidarietà (art. 2) e di eguaglianza (art 3) può offrire nuove visioni in una società trasformata dal paradigma digitale, dai flussi migratori e dalla transizione ecologica. Oggi si deve proteggere la libertà e la democrazia tutelando la generazione, l’accessibilità e la redistribuzione delle conoscenze”.

L’iniziativa patrocinata dall’Amministrazione Comunale, per il tramite dell’Assessorato alle Attività Culturali, “rientra nelle iniziative di valorizzazione e promozione della cultura in tutte le sue forme, attraverso il ventaglio di possibilità che essa può offrire alle nuove generazioni e alle comunità”, evidenzia l’Assessore Carlo Dilonardo.

Alla presentazione parteciperà la dottoressa Luisa Motolese, presidente di Sezione della Corte dei Conti. L’autrice Monica Amari, saggista ed esperta di diritti e politiche culturali, dialogherà con Rosa Maria Messia, referente cittadina dei Presìdi del Libro, dopo i saluti istituzionali del Sindaco Gianfranco Palmisano, dell’Assessore alle Attività Culturali Carlo Dilonardo e dell’Assessore all’Ascolto Angelo Gianfrate.

Ingresso libero.