Ceglie Messapica: Mozziconi di sigaretta incastrano i presunti Rapinatori, arresti immediati

Due uomini accusati di rapina in una tabaccheria, trovato DNA da mozziconi di sigaretta e prove video incriminanti

Carabinieri 6
Carabinieri 6

Gli indizi di fumo portano alla luce i colpevoli della rapina a Ceglie Messapica. Il ritrovamento di mozziconi di sigaretta ha permesso ai carabinieri di identificare i presunti autori del crimine. Le prove del Dna e le registrazioni delle telecamere sono risultate cruciali nell’inchiesta che ha portato all’arresto di due individui. Entrambi sono stati raggiunti da un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal tribunale di Brindisi su richiesta della Procura locale.

I rapinatori, armati di pistola, hanno minacciato la titolare della tabaccheria, portando via circa 1700 euro in contanti, 60 pacchetti di sigarette e 465 biglietti gratta e vinci. Le immagini di videosorveglianza e i mozziconi di sigaretta trovati sul luogo del crimine hanno permesso di collegare uno degli indagati alla scena del crimine. Entrambi sono accusati di rapina aggravata e porto abusivo di arma, e uno è già detenuto per altre cause presso la casa circondariale di Brindisi.