Dal G7 al Campus: Katrin Mileti e l’esperienza unica tra i grandi della terra

Una studentessa di mediazione linguistica di Pezze di Greco ritorna alla vita universitaria dopo un ruolo da hostess al vertice internazionale

E’ già tornata a pieno ritmo nel suo impegno universitario, conservando, però, quel ricordo di un’esperienza unica al fianco dei 7 grandi della Terra. Reduce dall’esperienza al G7 di Borgo Egnazia, Katrin Mileti, 20enne di Pezze di Greco, racconta con emozione quei giorni vissuti a stretto contatto con capi di stato e di governo nel summit internazionale, allargato per la prima volta nella storia anche a Papa Francesco. Katrin Mileti frequenta il secondo anno di università della facoltà di mediazione linguistica per l’impresa presso la Lumsa di Roma. Studia inglese, spagnolo e arabo, ed è in possesso di certificazioni in lingua francese: tutte competenze con le quali ha affrontato la tre giorni del G7. «Durante il vertice mondiale ho svolto il ruolo di hostess nelle sale bilaterali, accogliendo le varie delegazioni e interagendo – racconta la studentessa di Pezze di Greco – con i delegati di ogni nazione per quanto riguarda le prenotazioni delle sale per gli incontri bilaterali a disposizione. Inoltre, ero presente per qualsiasi chiarimento insieme ad altre hostess per quanto riguarda orari e sistemazione delle diverse sale».

Poi le attività svolte, in un lavoro prezioso di raccordo per gli incontri tra i membri del G7. «Il rapporto con gli ospiti è stato unico, ho avuto modo di vedere con le dovute distanze i presidenti, sempre molto sorridenti. Anche l’aver interagito con i delegati è stata un’esperienza emozionante che ha arricchito il mio bagaglio culturale. Inoltre, la presenza degli organizzatori è stata molto d’aiuto, infatti – spiega la 20enne – grazie alla loro disponibilità e professionalità nel curare i minimi dettagli, è andato tutto per il meglio, creando così un piacevole contesto lavorativo». Questo il recente passato con un patrimonio di conoscenze acquisite di grande valore. «Questa esperienza mi ha lasciato diversi aspetti positivi, oltre alle emozioni provate, ho capito che il ciclo di studi iniziato è quello giusto e mi sono appassionata ancor di più – conclude Katrin Mileti – nell’intraprendere un percorso lavorativo in ambito diplomatico».